Immagine non disponibile
Immagine non disponibile
Immagine non disponibile
Immagine non disponibile
Immagine non disponibile
Slider

Turismo: approvato nuovo regolamento dell’imposta di soggiorno

Stasera abbiamo approvato in consiglio comunale il nuovo regolamento dell’imposta di soggiorno. II decreto legge 50 del 2017 aveva introdotto  l’obbligo di applicare l’imposta di soggiorno  sui contratti di affitto breve. Lo stesso obbligo viene applicato anche a coloro che gestiscono i portali di intermediazione che mettono in contatto chi cerca una sistemazione e chi la offre. Quest’importante novità legislativa  aveva reso necessario modificare il regolamento comunale inserendo la possibilità di riscossione dell’imposta anche da soggetti di intermediazione.

Questa importante novità fiscale è fondamentale nell’ottica di una strategia di marketing territoriale che vada nella direzione di gestire i flussi turistici . I flussi turistici e l’attratività di una città vanno gestiti e governati anche per anticipare problematiche che sono emerse in altre città come Asterdam e Barcellona dove il fenomeno degli affitti brevi sta devastando interi quartieri

Il tema della fragilità del territorio è uno dei temi che con lo sviluppo del turismo le amministrazioni locali dovranno affrontare nei prossimi anni .

Vi evidenzio due specificità del regolamento che meritano di essere messe in luce:

  • nel regolamento è stata inserita un’ opzione strategica, per incentivare il turismo congressuale , gli alberghi che applicano uno sconto del 20% in occasione di congressi  avranno diritto ad una riduzione della tassa di soggiorno
  • la tassa di soggiorno è esente per cittadini che vengono a milano per  visite mediche,  operazioni

Il nuovo regolamento inoltre così modificato permetterà  al Comune di Milano a febbraio di sottoscrivere l’accordo con l ‘intermediario più conosciuto al mondo, Airbnb che si occuperà direttamente  della raccolta dell’imposta di soggiorno.

.

Ritengo che questo regolamento sia  un traguardo importante che va nell’ottica di una precisa strategia di turismo sostenibile, per far rispettare  legalità ,  trasparenza  e regolamentare un mercato in crescita che fino ad oggi era sommerso.

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *